Cucina Etnica/ Primi

Tagliatelle di Kamut in brodo japanese style ;)

8 Ottobre 2010 (Ultimo Aggiornamento: 19 Marzo 2021)

Prosegue il progetto Selezioni Monograno Felicetti, questa volta ho voluto provare il Kamut, nelle prossime ricette userò diversi formati di questo antichissimo cereale.

“Originario del Medio Oriente, il kamut è un cereale antichissimo. Antenato del grano duro moderno, è stato riscoperto da Robert Quinn, agricoltore americano che ne ha brevettato il marchio per tutelarne l’autenticità.
Il kamut è un esempio sorprendente dei vantaggi offerti dalla riscoperta dei grani puri e non ibridi: contenuto proteico fino al 40% superiore ai grani tradizionali, straordinaria ricchezza di vitamine e aminoacidi, glutine altamente digeribile. Per i nostri prodotti utilizziamo le migliori varietà di kamut, che trasformiamo con specifiche lavorazioni. Il risultato è semplicemente purezza
.”

La mia idea questa volta era quella di unire due mondi, l’oriente e l’occidente, di far sposare ingredienti che nella nostra cultura non si usano, come lo zenzero e la salsa di soia con quelli della nostra tradizione, gli ortaggi dell’orto, i prodotti del sottobosco.
Avevo davanti agli occhi degli udon in brodo dashi, ma l’idea era quella di italianizzare il tutto, così è nata questa zuppa di tagliatelle di kamut cotte in un brodo leggero e aromatico il cui sapore mi ha davvero stupito ;).

Enjoy 🙂

 

 

Tagliatelle di Kamut in brodo japanese style

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Pranzo, cena Fusion
Da Ady Porzioni: 4
Tempo Di Preparazione: 10 minuti Tempo Di Cottura: 40 minuti Total Time: 50 minuti

Un modo alternativo di mangiare le tagliatelle

Ingredienti

  • 8 nidi di tagliatelle
  • una carota
  • una costa di sedano
  • un pezzetto di zenzero fresco
  • un piccolo fungo porcino
  • un porro
  • un cucchiaio di salsa di soia leggera (less salt)
  • sale e pepe

Istruzioni

1

Preparare un brodo leggero con la carota, il sedano, il porro e d un pezzetto di zenzero fresco.

2

Far bollire per una mezz'oretta, quindi aggiungere il fungo porcino tagliato a pezzettini e le tagliatelle.

3

Spegnare il fuoco, coprire la pentola e far riposare 10 minuti, finchè la pasta non sarà cotta.

4

Condire con la salsa di soia, aggiustare di sale  e pepe e ....poi fatemi sapere 😉

Note

P.S. per dare al piatto un japanese style ho lasciato le tagliatelle intere proprio come gli udon in modo da consumarle con le bacchette, ma se si vuole si può spezzettare la pasta e mangiarla con il cucchiaio, scegliete voi 😉

Ti potrebbero piacere anche:

22 Commenti

  • Risposta
    Sandra
    8 Ottobre 2010 09:11

    -_-
    La nostra Ady si sta japanesizzandooooooo???

    WOW, mi piace assai cara, davvero originale my teacher

  • Risposta
    Stefano Caffarri
    8 Ottobre 2010 09:41

    e poi, niente cucchiaio, solo bacchette. mica patate. 🙂

    PS.: scherzi a parte: il porcino fresco, mi pare di capire, cuoce più di dieci minuti nel brodo. com’è la consistenza finale? mi verrebbe in mente di piazzarlo a crudo prima di impaginare le zuppe…

    cosa mi dici?

  • Risposta
    dansan
    8 Ottobre 2010 09:46

    la cura che hai messo nel ricavare quegli ortaggi a fiore è la stessa che in azienda mettono per intagliare le tagliatelle… 🙂 bella, brava e, sicuramente, buonerrima!!! grazie Ady, un involontario tributo al mio animo orientale

  • Risposta
    sara b
    8 Ottobre 2010 10:03

    questo piatto fa un figurone cara ady. anche a me sarebbe venuto spontaneo mettere il porcino crudo sopra, ma effettivamente nelle zuppe orientali il fungo sta dentro 🙂

  • Risposta
    dansan
    8 Ottobre 2010 10:12

    P.s. – ben ritrovati a tutti, eh!!! 🙂

  • Risposta
    lucy
    8 Ottobre 2010 10:37

    che calore questa ricetta e il profumo sprigionato dal brodo caldo.ho visto che le tue ultime ricettine si adattano al mio contest?vuoi partecipare?

  • Risposta
    Ady
    8 Ottobre 2010 10:43

    *Sandra tu ti cinesizzi e io ci japanesizzo 😉
    *Stefano, la tua considerazione è molto giusta, ma la mia idea era quella di far cuocere il porcino nel brodo per fare in modo che potesse rilasciare tutto il suo sapore perdendo sicuramente in consistenza, però volevo comunque riprodurre una zuppa orientale, grazie 🙂
    *Daniele in effetti mi sono impegnata un pochino eheheh bacioni e grazie 🙂
    *Sarab, è proprio come dici tu lìidea era proprio quella della zuppa orientale e ti assicuro che il brodo era buonissimo, grazie un bacio 🙂

    Grazie di cuore a tutti 😉

  • Risposta
    mariluna
    8 Ottobre 2010 13:16

    la pasta di kamut mi piace molto ed anche lo stile jap, spezie il piccantino dello zenzero.

    Il porcino anch’io l’ho infilato in un brodo ho avuto la tua stessa idea e poi alla fine non era male, infatti il brodo ha preso il suo gusto leggermente ed il porcino é rimasto intatto, anche se effettivamente spugnoso!

    bacio Ady:)

  • Risposta
    alexandra
    8 Ottobre 2010 17:01

    Ma é davvero bella Ady!!! quel tocco jap poi conquista al primo sguardo!!! Mi immagino i profumi…

  • Risposta
    Sara @ Fiordifrolla
    8 Ottobre 2010 21:06

    Idea fantastica, non ci avrei mai pensato! Approvo l’aggiunta del fungo porcino, sono certa che conferirà a questa zuppa quel tocco in più 🙂 Ottima proposta fusion!
    Baci e buon week end 🙂

  • Risposta
    Ady
    8 Ottobre 2010 21:10

    *Mariluna è vero il porcino dà un sapore tutto particolare al brodo e poi mi sembra che il suo sapore si avvicini molto a quello della soia, baci cara e buon we :*
    *Alex i profumi erano davveri notevoli e se devo essere sincera non li immaginavo così, sono felice ti sia piaciuta un bacio e buon we 🙂
    *Sara grazie, davvero un tocco speciale, buon we a te 🙂

  • Risposta
    Marzia
    11 Ottobre 2010 08:45

    Buonissima questa versione japanese!! Sembra quasi un ramen un po rivisitato.. complimenti!! 🙂

  • Risposta
    Gabriella
    13 Ottobre 2010 16:16

    Mi piace molto questa tua versione dashi, e questa fusione delle 2 culture culinarie, la trovo molto interessante …. e così accontenterei mio figlio che da tempo mi chiede la zuppa giapponese…. che io rimando sempre.
    Complimenti per il tuo lavoro! cia a presto.

  • Risposta
    Ady
    19 Ottobre 2010 10:27

    Marzia, Gabriella grazie mille, devo dire che è piaciuta moto anche a i miei figli 😉

  • Risposta
    Sabrina&Luca
    24 Ottobre 2010 22:51

    Ci intriga questo piatto, a cavallo tra due culture così diverse che tu sei riuscita ad armonizzare! Non conosciamo se non superficialmente la cucina giapponese, ma siamo sempre stati curiosi per quanto riguarda gli udon. Ci proveremo anche noi a replicare il tuo piatto!
    Bacioni
    Sabrina&Luca

  • Risposta
    marifra79
    27 Ottobre 2010 11:39

    Assolutamente mi piace! Davvero bella la presentazione!
    Un abbraccio
    ps.ma non vai più su teleponte?

  • Risposta
    Ady
    27 Ottobre 2010 11:56

    *Sabrica&Luca provateli, vi piaceranno e poi fatemi sapere, un abbraccio 🙂
    *Marifra grazie, belli e davvero buoni, una rivelazione.
    Non vado più a Teleponte, adesso mi sono evoluta, ho una cucina e potrai vedermi su http://www.teramoweb.it ogni settimana una ricetta nuova, poi se passi al centro commerciale magari mi vedi anche in mega screen, un abbraccio 😉

  • Risposta
    Milena
    27 Ottobre 2010 21:45

    Sono innamorata della cucina mediterranea e curioso poco in quella orientale: la tua zuppa fusion potrebbe essere un buon inizio per me per accostarmi ad una gastronomia così ricca ….

  • Risposta
    arthur escoto
    3 Novembre 2010 14:18

    Mi piace molto la zuppa con fiori di verdure. Bravo!

  • Risposta
    Ady
    6 Novembre 2010 16:57

    Grazie mille !

  • Risposta
    Pallokketta
    9 Marzo 2012 12:12

    meravigliosa…!!bella d’aspetto e buonissima!!si puo fare con gli spaghetti?

  • Risposta
    Ady
    9 Marzo 2012 12:22

    *Pallokketta magari scegli uno spaghettino sottile 😉

  • Lascia una Risposta

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.