RSS

Semifreddo alle mandorle caramellate

mar, ago 3, 2010

Dolci

Un dolcetto fresco fresco, qualche difficoltà nel fotografarlo per la verità, l’ho avuta, si stavo autodistuggendo ;) causa caldo e sole.
Ma è il rischio del mestiere visto che a me le foto piace farle con la luce naturale, anche se a volte i vicini mi guardano strano :D
E’ un dolce semplice da fare, unica difficoltà, se così si può chiamare, è la preparazione della Pâte à bombe.
Uso sempre questo tipo di preparazione per i semifreddi e addirittura anche per il tiramisù, le uova in questo modo si pastorizzano e sono più sicure sia per noi sia per i nostri figli.
Ci sono diversi modi per preparare la Pâte à bombe, con lo zucchero semolato, con il miele, con lo zucchero invertito, in ogni caso i tuorli vanno montati aggiungendo lo zucchero cotto a 121°, continuando a monatare fino a completo raffreddamento.
Ecco pronta la base per il dolce, io ho aggiungo della panna fresca, del mascarpone molto vicino alla scadenza, altrimenti sinceramente non l’avrei messo, ma gli ha dato un sapore ;P
Per completare il tutto un coulis di lamponi alla vaniglia che dà un tocco di acidità al tutto che smorza il dolce del semifreddo, e un magnifico colore rosso ;P

Ingredienti

  • 250 gr. di panna fresca
  • 250 gr. di mascarpone
  • 4 tuorli
  • 100 gr. di zucchero
  • 3 cucchiai di acqua
  • 200 gr. di mandorle
  • 80 gr. di zucchero
  • 200 gr. di lamponi
  • zucchero vanigliato q.b.
  • succo di limone q.b.

Preparare le mandorle caramellate, metterle in una larga padella con lo zucchero, a fuoco medio fare sciogliere lo zucchero, mescolando di continuo, fino a qualdo le mandorle non saranno dorate e lo zucchero le avrà completamente avvolte. A questo punto io aggiungo (su consiglio del maestro L.Montersino) un pezzetto di burro di cacao, o un pizzico di Mycryo, (grazie Alex), in questo modo le mandorle si staccheranno tra di loro.
Versare le mandorle su un piano di amrmo ao su della carta forno e far reffreddare.
In questo dolce magari non è neanche necessario che le mandorle si stacchino perchè andranno quasi tutte tritate, ma siccome sono di una bontà sovrumana, magari se ne possono prepararre di più e conservarle in un contenitore ermetico e servirle come piccola coccola con il caffè, attenzione però danno dipendenza ;)

Nella planetaria mettere insieme il mascarpone e la panna fresca, cominciare a montare, non ho aggiunto zucchero perchè non amo i dolci troppo “dolci” e qui ci sono anche le mandorle caramellate ;) , montare bene quindi mettere in frigo a raffreddare.
Preparare la pâte à bombe, in un pentolino mettere lo zucchero e l’acqua e lasciar bollire, portando lo zucchero a 121°, a questo ounto colare lenatmente lo zucchero cotto sui tuorli e continuare a monatre fino a completo raffreddamento.
Tritare le mandolrle caramellate lasciandone qualcuna da parte per la decorazione.
A questo punto unire, la
pâte à bombe con la pabnna e il mascarpone monatati, quindi aggiungere le mandorle tritate.
Versare il composto in un contenitore della forma che si preferisce io ho scelto uno stampo rettangolare, foderato da pellicola per alimenti senza PVC.
Mettere il tutto in congelatore per 3 o 4 ore.
Preparare il coulis di lamponi frullandoli con lo zucchero vanigliato e un cucchiaio di succo di limone, ma qui le dosi sono a apicere a secondo di come piace.
Versare il coulis di lampini a specchio sul piatto, mettere il semifreddo al centro guarnire con le mandorle caramellate tritate grossolanamente ;)

Enjoy

Questa ricetta partecipa al Giveaway di Eleonora.
Auguri Eleeeeee, in extremis, ma ce l’ho fatta , non potevo non partecipare anche perchè il rosso è il colore che contraddistingue il mio blog, il rosso è il colore della passione ;)

Giveaway

Mandorlecaramellate

Semifreddomandorle2

, , , ,

8 Commenti

  1. alexandra Says:

    Buono questo semifreddo Ady!!! Ormai sono in sosta pre-ferie e sto svuotando le ultime riserve in frigorifero e ahimé niente dolci (mi mancano troppi ingredienti per procedere). Questo semifreddo con pateàbombe e senza meringa italiana mi stuzzica assai!!!

  2. Jacopo Says:

    Alexandra è un pozzo di scienza per queste cose :-)
    Ma bravaaaa, ottimo e rinfrescante…. e chissene importa dei vicini guardoni :-D
    Certo la cosa difficile sarà reperire il piano di “amrmo ao” hahahahahaha
    Scherzoooo, è che sto a rosica’ perchè non posso gustarmene una fetta :-D
    A prestoooo

  3. mariluna Says:

    adoro questo tipo di preparazione, se poi ci sono i rossi lamponi ancora meglio.

    Una piccola domandina: se devo usare lo zucchero invertito, ( ne ho e non ancora usato) come procedere, cioe’ và riscaldato lo stesso?, nn sono pratica di questo ingrediente. Grazie Adina un abbraccio e…anche se non mi vedi io ti seguo ehhh!!!

  4. sciopina Says:

    adyyyy mi hai fatto tornare in mente un gelato della hagen daaz che non ho piu’ comprato..c’erano le praline di mandorle o di noce macadamia non ricordo piu’ ma come tu dici creano dipendenza..ihiihih bello questo semifredo che hai fatto e pure la coulisse sotto è proprio scenografica!
    ciao buona estate
    sciop

  5. carmen Says:

    aaaaaaaaaah!!!!!!!!!!!!! che foto!!!!!!!!!!!!!!!! ciao Ady!!!!!!!!!!!!

  6. Antonietta Says:

    ho fatto questo semifreddo e devo dire che è meraviglioso un ottimo connubio di sapori. Complimenti

  7. CoCò Says:

    Altro che autodistruggersi, l’avrei distrutto prima io, spero tu stia bene cara Ady

  8. Ady Says:

    Grazie a tutti ;) )
    *Cocò tutto ok, e tu? Come sta Giulio?

Lascia un Commento