Antipasti

Il savarin salato per la Pasquetta

23 Aprile 2011 (Ultimo Aggiornamento: 18 Marzo 2021)

Quest’anno niente pastiera, che poi nella mia famiglia è consuetudine farla anche a Natale, chissà poi perchè visto che è un dolce tipico della primavera quindi di Pasqua; niente tortano, negli anni le abitudine alimentari sono cambiate ache a scapito della tradizione ahimè!
E poi vogliamo dire che quest’anno starò dalla parte della tavola più lontana dai fornelli??
Eggià perchè di solito chi cucina si siede il più vicino possibile ai fornelli in modo da organizzare meglio le portate.
Alla fine mi fa anche piacere, un piccolo stop fa bene per recuperare le forze e prepararsi al rush finale che comincerà il 10 maggio fino alla fine di giugno.
Motivo per cui la mia ricetta per augurarvi Buona Pasqua è in realtà più adatta alla scapagnata fuori porta del lunedì dell’Angelo, anche se andrebbe benissimo servita accompagnata alle uova sode (come si usa qui) e magari u  pezzetto di pecorino e una fettina di salame, fate voi…
La ricetta è di Laura Ravaioli, e ho detto tutto 😉

 

 

 

 

Il savarin salato

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Torte salate mediterranea
Da Ady Porzioni: 6/8
Tempo Di Preparazione: 10 minutim+ tempi di lievitazione Tempo Di Cottura: 30 minuti Total Time: 40 minuti + 2 ore di lievitazione

Ricetta per Pasqua

Ingredienti

  • 100 gr. di farina manitoba
  • 200 gr. di farina 00
  • 150 gr. di latte tiepido
  • 12 gr. di lievito di birra fresco
  • 3 uova
  • 70 gr. di parmigiano grattugiato
  • 70 gr. di pecorino grattugiato
  • 180 gr. di scamorza affumicata
  • 180 gr, di salame a cubetti
  • 70 gr. di burro
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • ½ cucchiaino di pepe

Istruzioni

1

Sciogliere il lievito nel latte tiepido con lo zucchero, aggiungere le uova e versare il tutto nella farina, impastare bene, quindi far lievitare fino al raddoppio.

2

Riprendere l’impasto ed aggiungervi tutti gli altri ingredienti, il sale, il pepe, parmigiano, pecorino, burro fuso ma tiepido, salame e la scamorza affumicata.

3

Mettere l’impasto in uno stampo a ciambella imburrato ed infarinato e farlo crescere di nuovo fino a quando non riempie tutto lo stampo.

4

Cuocere in forno preriscaldato a 200° per i primi 15 minuti, quindi abbassare a 180° per i successivi 15 minuti.

Ti potrebbero piacere anche:

16 Commenti

  • Risposta
    mary
    23 Aprile 2011 17:11

    Brava è perfetto , infatti l’ho visto fare da Laura.
    buona Pasqua!

  • Risposta
    manu e silvia
    24 Aprile 2011 20:26

    Ciao, ma che bellissima versione salata! Ricca di gusto con questi tre formaggi davvero saporiti, ed il salame a fare da contrasto.
    Buonissima idea.
    Baci e buona pasqua

  • Risposta
    Rossella
    26 Aprile 2011 15:35

    Auguri in ritardo ma non meno golosi.
    La foto del tuo savarin è molto invitante.
    Ti mando tutta l’energia possibile per il rush di lavoro.

  • Risposta
    Anna
    27 Aprile 2011 11:56

    Cara Ady,grazie per la ricetta e ,prima di ogni altra coa,tanti auguri per una Pasqua piena di luce.
    Vorrei chiederti alcuni chiarimenti sulla preparazione del savarin salato.Quanto deve durare all’incirca ogni fase di lievitazione?
    A quale temperatura deve stare la pasta per lievitare bene?
    (tu ad esempio dove metti il recipiente mentre la pasta sta lievitando’)
    Grazie e scusa per queste domande.ma non sono una cuoca tanto esperta.
    Anna

  • Risposta
    Daniela
    28 Aprile 2011 16:53

    Auguri e scusami per il ritardo. Perfetto questo savarin salato; Pasqua è passata ma questa ricetta la voglio provare al piu’ presto. Ciao Daniela.

  • Risposta
    Ady
    28 Aprile 2011 17:59

    *Mary grazie Lura è insuperabile 😉
    *Manu&Silvia grazie ragazze 🙂
    *Grazie Ross, raccolgo tutta l’energia che mi hai mandato e ne faccio tesoro, un abbraccio 🙂
    *Anna, la prima fase di livitazione deve durare fino al raddopiio dell’impasto, ci poterebbero volere un paio d’ore, ma anche di meno, dipende dalle condizioni atmosferiche, per la seconda lievitazione invece basta anche meno, diciamo una mezz’oretta 🙂
    Il posto migliore per la lievitazione è senz’altro la cucina, ma lontano da correnti d’aria magari vicino ai fornelli. In inverno magari vicino, ma non troppo, ad una fonte di calore (stufa o termosifoni), oppure accendi il forno a 30° e metti l’impasto dentro, ma questo solo quando fa molto freddo.
    *Daniela grazie fammi sapere se ti è piaciuto il savarin, mi raccomamdo 😉

  • Risposta
    Alelunetta
    3 Maggio 2011 08:43

    Fa venire l’acquolina in bocca solo a guardarla! Prima o poi mi deciderò a fare una brioche salata (e ho il ciambellone supersoffice in lista d’attesa!)
    Meglio tardi che mai: buona Pasqua! 😉
    Un abbraccio

  • Risposta
    Ady
    4 Maggio 2011 15:09

    Ahahaha auguri anche a te Ale e grazie ;))

  • Risposta
    Milen@
    16 Maggio 2011 20:31

    Lo voglio provare, anche perché nelle prossime settimane ci sono dei picnic in programma 😀

  • Risposta
    Ady
    18 Maggio 2011 09:44

    Milena fammi sapere se ti è piaciuto, mi raccomando ci tengo 😉

  • Risposta
    roberto
    22 Maggio 2011 18:37

    Ciao e complimenti per il blog!! Ti scrivo per informarti che sto organizzando un contest sul mio blog e mi piacerebbe se tu partecipassi!!
    Se ti va vieni a vedere qui : http://www.myart-robertomurgia.blogspot.com/2011/05/cook-with-my-art.html#.Tdk6vFtAIXA
    Grazie ciao ciao
    ROberto

  • Risposta
    Annalisa Boncinelli
    3 Aprile 2012 23:00

    Eccolo qua il tuo Savarin salato …….sarà sulla mia tavola per il pranzo di Pasqua !!! 🙂

    • Risposta
      Ady
      4 Aprile 2012 10:35

      Fammi sapere eh! ;))

  • Risposta
    Annalisa Boncinelli
    4 Aprile 2012 18:03

    Of course !!! 😉

  • Risposta
    Paola
    5 Aprile 2012 12:44

    Io invece quest’anno ho la folla a casa, che balls….volevo fare la brioche rustica, ma provo questo per cambiare:)) Bacioni!

  • Risposta
    Ady
    6 Aprile 2012 22:07

    Ciao Paola, è buonissimo vedrai, fammi sapere baci 🙂

  • Rispondi a Daniela Annulla Risposta

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.